28 Gennaio 2020 | Conseil du bien dormir

E addormentarsi diventa un piacere

Ritornare alle notizie

« Ho dormito bene la scorsa notte ? » Questa è sicuramente una delle prime domande che ci poniamo al risveglio. Affinché questa domanda non diventi un'ossessione quotidiana, è necessario adottare delle buone abitudini.

Che attività bistrattata che è il sonno! Dormire bene è diventata una preoccupazione quotidiana, persino un incubo per alcuni. Per coloro che si addormentano con difficoltà, il cui sonno è frammentato e leggero, il momento di andare a dormire assume un certo peso. Il sonno occupa ⅓ della nostra vita ed è una componente essenziale del nostro benessere e della nostra salute. Il buon sonno è un sonno riposante: il corpo e il cervello riposano, le cellule si rigenerano, il sistema immunitario si rafforza e le tensioni scompaiono. Al risveglio, la sensazione di forza ti fa venire voglia di alzarti con il piede giusto e muovere le montagne! Una buona notte di sonno ci rende anche più efficienti e consente al nostro cervello di memorizzare con maggiore precisione le informazioni acquisite durante il giorno.

« Ho dormito bene la scorsa notte ? » Questa è sicuramente una delle prime domande che ci poniamo al risveglio. Affinché questa domanda non diventi un'ossessione quotidiana, è necessario adottare delle buone abitudini. Diversi fattori influenzano la qualità del sonno: scarsa qualità del letto, rumore ambientale, stress, temperatura, onde magnetiche. Vanno presi in considerazione anche altri fattori legati allo stile di vita: dieta squilibrata, consumo di alcol o tabacco poco prima di coricarsi.

Ogni individuo è unico. Per apportare dei cambiamenti significativi alla qualità del sonno, si consiglia di comprendere le esigenze fisiologiche e il modo in cui il sonno risponde ad esse. Seguite questi 3 suggerimenti per trovare gradualmente il sonno che vi meritate.

 

OPTARE PER LETTI ADEGUATI E DI QUALITÀ

 

La regola d'oro per dormire bene non può che partire dal materasso! È essenziale disporre di un buon materasso per consentire un supporto ottimale della colonna vertebrale, favorire il rilassamento muscolare ed eliminare le tensioni accumulate durante il giorno, favorendo la circolazione sanguigna per consentire la rigenerazione cellulare e mantenere una temperatura corporea adeguata.

Per evitare problemi di salute dovuti ad un letto ormai obsoleto, è necessario cambiare il materasso ogni dieci anni. Gli studi dimostrano che un letto di buona qualità può aumentare la continuità del sonno: ci addormentiamo più rapidamente e ci svegliamo meno spesso di notte realizzando mediamente un'ora in più di sonno a notte. Bisogna anche controllare che i letti in cui si andrà ad investire siano ben areati. Ogni notte, eliminiamo più di un quarto di litro d'acqua dai pori della pelle ed è necessario che questa traspirazione possa essere ben evacuata. Per chi soffre di asma, ad esempio, è necessario prestare particolare attenzione alla ventilazione del materasso.

Investite del tempo nella scelta del vostro materasso! Provate diverse rigidità e diverse composizioni di materiali per determinare il materasso ideale per voi. Potete utilizzare il nostro selettore di materassi per farvi aiutare nella vostra ricerca. L'ampia scelta di materassi di Elite, l'esperienza e il secolare know-how rendono possibile l'individuazione del materasso più adatto per ogni morfologia e abitudini di ciascuno. Inoltre, i materassi Elite sono garantiti a vita e certificati dal marchio Ecolabel. Questa certificazione, unica in Europa, distingue i prodotti i cui componenti sono resistenti, ecologici e innocui per la salute dei consumatori. I nostri letti sono certificati , garanzia del nostro di impegno per la vostra salute e per il pianeta.

 

COMPRENDI IL TUO RITMO CIRCADIANO
E OTTIMIZZA I CICLI DEL SONNO

 

Il fabbisogno di riposo è specifico e differisce da un individuo all'altro. Chi dorme poco, chi mediamente, chi più a lungo e il sonno deve essere adeguato alle esigenze di ognuno, poiché una buona igiene del sonno è tanto necessaria a livello fisico che a livello mentale. Prendersi cura del proprio sonno è prendersi cura della propria salute.

Il sonno funziona a cicli. Il ritmo sonno / veglia è regolato nel cervello dal talamo e si appoggia al ritmo circadiano, una sorta di orologio biologico interno. È importante ascoltare quest'ultimo e andare a letto non appena compaiono i primi segni di rilassamento o affaticamento, come lo sbadiglio. Per scoprire se il vostro ritmo del sonno è adeguato, basterà osservare il vostro corpo quando vi svegliate e durante il giorno. Se al risveglio vi sentite stanchi, il rilassamento, l'irritabilità e la mancanza di concentrazione diventeranno comuni man mano che la giornata avanza. Se d'altra parte al risveglio vi sentite pieni di energia vorrà dire che il vostro ritmo del sonno è perfettamente adatto alle vostre esigenze e che non dovete modificare il vostro rituale della buonanotte.

Per coloro che hanno patologie del sonno, una delle priorità è capire le ragioni e quindi definire il ritmo biologico più adatto per potervi porre rimedio. Parlare con degli specialisti del sonno, come il Center for Investigation and Research on Sleep at CHUV, è un primo passo verso una possibile cura. Per i disturbi più lievi, le pratiche energetiche come lo yoga o la meditazione possono essere integrate nel rituale della buonanotte. Durante il giorno, un breve pisolino può essere di grande beneficio !

 

RIDURRE LE ONDE ELETTROMAGNETICHE
ED EVITARE GLI SCHERMI

 

Dispositivi elettronici ed elettrici come i telefoni cellulari generano onde elettromagnetiche che viaggiano attraverso l'aria. Alla lunga, queste onde causano stress e mal di testa, impediscono la produzione di melatonina e riducono il livello di tenuta della barriera emato-encefalica. Immaginate allora queste onde in una camera da letto, una stanza dedicata al riposo e al relax !

Per preservare il vostro sonno, dovete mettervi nelle migliori condizioni possibili prima di coricarvi. Si raccomanda di evitare la presenza e l'uso di dispositivi elettromagnetici come televisione, console di gioco o laptop nelle immediate vicinanze del letto. Questi producono un'eccessiva stimolazione per il cervello. Quando c'è troppa luce blu sugli schermi, questa riporta il nostro orologio biologico a zero impedendo la regolazione dell'ormone del sonno, la melatonina. Mantenere gli schermi a distanza già da 1 a 2 ore prima di andare a letto, permette di rilassare gli occhi e preparare il corpo ed il cervello ad addormentarsi.

Articoli simili
14 Febbraio 2020
L'arte di dormire in due Quasi uno svizzero su due non dorme da solo. Nel momento propizio per sentirsi a proprio agio, è normale apprezzare la presenza di un partner durante il sonno. A condizione che i due partner non interferiscano durante la notte. Meglio dormire da soli che male accompagnati? Non sempre! Ogni coppia ha la sua configurazione.
06 Aprile 2020
Isolamento : qualche consiglio per restare al passo Questa indesiderata situazione pare un'opportunità per recuperare qualche sospeso verso il riposo, ma attenzione: dormire di più non significa dormire meglio. Trova qualche consiglio per non perdere terreno e mantenere una certa disciplina durante questa crisi sanitaria.
14 Aprile 2020
Quando le allergie ostacolano il sonno Le allergie sono nel loro pieno periodo! Colpiscono quasi una persona su tre e in metà dei casi sono respiratori. È proprio questo tipo di allergia che ha un'influenza negativa sul sonno, ma non solo: la relazione tra la qualità del sonno e le allergie si estende ad altri aspetti come la concentrazione, l'appetito e il livello di stress.