06 Aprile 2020 | Conseil du bien dormir

Isolamento : qualche consiglio per restare al passo

Ritornare alle notizie

Questa indesiderata situazione pare un'opportunità per recuperare qualche sospeso verso il riposo, ma attenzione: dormire di più non significa dormire meglio. Trova qualche consiglio per non perdere terreno e mantenere una certa disciplina durante questa crisi sanitaria.

Pandemia, stato di emergenza generalizzato, incertezze ... Il nuovo coronavirus (COVID-19) ha un impatto sulla vita quotidiana degli svizzeri, arrivando persino a influire sulla qualità del riposo. Alcune persone vulnerabili devono rimanere confinate nelle loro case mentre altre hanno scoperto il telelavoro, raddoppiando la loro inventiva per prendersi cura anche dei bambini. Questa indesiderata situazione pare un'opportunità per recuperare qualche sospeso verso il riposo, ma attenzione: dormire di più non significa dormire meglio. Allungando troppo i periodi di sonno la fatica ci attende a fine cammino.

Durante questo periodo così particolare, i nostri sincronizzatori esterni sono diminuiti. Il ritmo delle nostre giornate e le nostre abitudini diurne sono cambiati. Facciamo meno sport, ci esponiamo meno alla luce del giorno, mangiucchiamo di più, aumentano anche lo stress e l'ansia. Eppure abbiamo bisogno di forza più che mai! Trova qualche consiglio per non perdere terreno e mantenere una certa disciplina durante questa crisi sanitaria.

1

Andare a letto, alzarsi
e mangiare a ore normali

Anche se la struttura della vita quotidiana e il ritmo sono cambiati per molti di noi, si consiglia vivamente di andare a letto, alzarsi e mangiare a orari regolari, soprattutto per chi fa telelavoro. Questo ti consente di non interrompere il tuo orologio biologico e di mantenere o addirittura migliorare le tue abitudini: forse questa è un'opportunità per pranzare? O prenditi il tempo per cucinare con la tua famiglia? Per i fortunati che hanno un balcone o una terrazza, è bene esporsi al mattino alla luce del giorno per fare scorta di vitamina D.

2

Evitare gli stimolanti

Stando a casa, le tentazioni sono numerose; alcol, caffeina o zucchero per alimenti, abbuffate e social media per l'intrattenimento. È ora di reagire! L'alcol in particolare sposta le fasi del sonno e quindi influenza la sua qualità. La tentazione che gli schermi rappresentano durante questo periodo è grande. Tuttavia, questi causano troppa eccitazione e stimolazione per il cervello. Quando c'è troppa luce blu sugli schermi, ripristina il nostro orologio biologico a zero e impedisce la regolazione dell'ormone del sonno, la melatonina. Schermi e qualsiasi altro stimolante alimentare dovrebbero essere evitati da 1 a 2 ore prima di andare a letto.

3

Attività fisiche da svolgere a casa

Come mantenersi in forma durante questo periodo di confinamento? Muoviti a casa! È sufficiente un'attività fisica da leggera a moderata di 30 minuti al giorno. Oltre ad aiutarti ad addormentarti e a migliorare la qualità del sonno, praticare un po 'di sport può ridurre l'ansia mantenendoti in forma. Molti video o applicazioni esplicativi, come Fizzup, Daily Yoga o Sworkit Lite, gratuiti o a pagamento, sono disponibili per tutte le età e tutti i livelli, con attività realizzabili in piccole aree e senza attrezzature specifiche.

4

Fare un respiro profondo, meditare, leggere

L'attuale crisi può essere considerata un'opportunità per rallentare. Periodo particolarmente favorevole per l'introspezione, è l'occasione per praticare attività con calma e riposanti. Quando siamo ansiosi, la nostra mente è altrove e non possiamo concentrarci. Meditare è coltivare un'altra relazione con i propri pensieri, concentrandosi sul momento presente, sul proprio respiro, sulle sensazioni corporee e trovando l'energia per affrontare gli eventi. Gli esercizi di respirazione o meditazione possono essere utilizzati per aiutare ad addormentarci perché forniscono una profonda sensazione di benessere prima di coricarsi.

Articoli simili
28 Gennaio 2020
E addormentarsi diventa un piacere « Ho dormito bene la scorsa notte ? » Questa è sicuramente una delle prime domande che ci poniamo al risveglio. Affinché questa domanda non diventi un'ossessione quotidiana, è necessario adottare delle buone abitudini.
14 Febbraio 2020
L'arte di dormire in due Quasi uno svizzero su due non dorme da solo. Nel momento propizio per sentirsi a proprio agio, è normale apprezzare la presenza di un partner durante il sonno. A condizione che i due partner non interferiscano durante la notte. Meglio dormire da soli che male accompagnati? Non sempre! Ogni coppia ha la sua configurazione.
14 Aprile 2020
Quando le allergie ostacolano il sonno Le allergie sono nel loro pieno periodo! Colpiscono quasi una persona su tre e in metà dei casi sono respiratori. È proprio questo tipo di allergia che ha un'influenza negativa sul sonno, ma non solo: la relazione tra la qualità del sonno e le allergie si estende ad altri aspetti come la concentrazione, l'appetito e il livello di stress.