24 Novembre 2020 | Notizie

“Gstaad Palace; qui è possibile rallentare.”

Intervista Andrea Scherz - 24 novembre 2020

Ritornare alle notizie

Lo Gstaad Palace, costruito nel 1913 e gestito dalla famiglia Scherz dal 1938, è uno degli ultimi hotel a conduzione familiare a 5 stelle in Europa. Incontriamo il nipote Andrea Scherz, che gestisce la struttura dal 2001 e che è stato nominato Hotelier of the Year 2019. Ci racconta perché ha scelto di offrire ai suoi clienti i materassi Elite.

Lo Gstaad Palace fa parte di quei grandi hotel che hanno attraversato le epoche accogliendo una clientela illustre: Elizabeth Taylor, Richard Burton, Grace Kelly, Roger Moore, Jacques Chirac, Margaret Thatcher per citarne alcuni ... Michael Jackson, stavo per dimenticarlo… L'albergo dall'aspetto cinematografico è stato la scenografia naturale di molti lungometraggi. Dispone di novanta stanze e trecento dipendenti. Andrea Scherz è il custode e traghettatore di un patrimonio di famiglia. E ci rende immediatamente partecipi dei suoi ricordi d'infanzia.

Cosa a reso così di successo lo Gstaad Palace già dal passato?

Andrea Scherz : Sono cresciuto osservando i miei nonni, poi i miei genitori che accoglievano clienti che arrivavano da lontano e rimanevano con noi per diverse settimane. Ho mangiato in hotel ogni pranzo, 3 mesi in estate e 3 mesi in inverno. Tra una stagione e l'altra giocavo in albergo, che era chiuso e diventava un fantastico ed enorme parco giochi; con tanto di gare in bici nei corridoi ... ho scoperto anche il piacere di riscoprire, anno dopo anno, volti familiari apprezzando questi rapporti che si sono intrecciati nel tempo. Prestare attenzione è amare le persone e accoglierle come se fossero qui a casa. È anche saperli sorprendere e andare al di là delle loro aspettative.

Perché hai scelto i materassi Elite per i tuoi clienti?

AS :Il comfort è essenziale in un hotel. Il cliente dovrebbe sentirsi a suo agio ovunque; dalla reception al suo letto. I primi anni in cui ho gestito l'hotel non avevamo materassi Elite. Quando abbiamo iniziato ad utilizzarli, molti dei nostri clienti hanno iniziato a chiederci quale fosse la marca per poterli acquistare per la propria casa. Oggi abbiamo persino un inventario per trovare il modello che corrisponde esattamente alle stanze che occupano! Tutto quello che devono fare è contattare direttamente il negozio Gstaad. Prenderci cura della qualità del loro sonno è un modo, come un altro, di prenderci cura di loro.

Da quanto tempo lavori con Elite?

AS : Sono più di 20 anni che apprezzo lo spirito familiare e la reattività di questa di questa azienda , anche lei centenaria! Sono molto orgoglioso di offrire un materasso prodotto in Svizzera. Elite ha sempre compreso le nostre esigenze e preoccupazioni; è un partner forte. Come aneddoto, trasformiamo diverse stanze ogni anno. Una volta però è sorto un malinteso tra l'interior designer e il caposquadra che ha ritenuto fosse necessario buttare via i materassi delle stanze in questione. Cinque giorni prima dell'apertura di Natale, è bastata una telefonata per farci realizzare i materassi d'urgenza nel fine settimana! Questo servizio e la vicinanza non hanno prezzo.

Il periodo attuale è particolarmente difficile per tutti gli albergatori, come stai attraversando questa crisi sanitaria?

AS :Stiamo soffrendo molto perché l'80% dei nostri clienti sono stranieri. Con le restrizioni di viaggio e la quarantena che gli stranieri dovrebbero praticare quando tornano dalle vacanze in Svizzera, prevediamo un budget per questo inverno di meno 75%, che è enorme. Ovviamente ci stiamo concentrando sul mercato svizzero, che però è un mercato molto appetito. Rimane aperta la nostra Spa di 1800 mq, il che è vantaggioso in un momento in cui il bisogno di prendersi cura di sé è particolarmente sentito. Abbiamo anche organizzato attività per le famiglie organizzando asili nido ed eventi per bambini. Con, ovviamente, per le feste, l'arrivo delle renne di Babbo Natale e la visita anche dei cani del Gran San Bernardo.

In cento anni ci sono stati cambiamenti fondamentali nell'accoglienza?

AS : La mia visione è mantenere la struttura come è oggi. I nostri clienti apprezzano che non ci siano cambiamenti drastici; sanno cosa aspettarsi. È come una vecchia signora con la quale ti senti protetto. Recentemente, un cliente mi ha detto "il Palace è come una roccia durante una tempesta. Mentre le onde colpiscono sempre più forte in mare e il mondo si muove sempre più veloce, qui tutto rimane stabile e fornisce un riparo ". Qui è possibile rallentare, ma siamo sempre all'avanguardia. Siamo stati anche il primo hotel ad offrire il wifi in Svizzera!

Articoli simili
24 Settembre 2021
« Il Principe Forte dei Marmi , un’eccellenza con il retrogusto di comfort dall’effetto rigenerante. »

Forte dei Marmi, la perla della Versilia. Situata in una delle coste più affascinanti della Toscana, tra il blù del Mare Tirreno  ed il candore delle Alpi Apuane, è una meta di culto del jet set internazionale , con la sua vita mondana, le spiagge esclusive e i locali più alla moda.

E' in questo contesto privilegiato che troviamo l'Hotel Principe Forte dei Marmi 5*L, con la sua posizione strategica che lo rende meta d’eccezione del turismo balneare, artistico e culturale italiano.

28 camere arredate dai più noti designer , nelle quali poter vivere l'esperienza di un'accoglienza haute-de-gamme dove nessun dettaglio è lasciato al caso .  

01 Giugno 2021
Visitate la Svizzera e scoprite gli hotels top!

Con la situazione pandemica che migliora, molti di noi vogliono approfittare dell’  estate per scoprire la Svizzera. Proponiamo due destinazioni insolite dove potrai godere dello straordinario comfort dei letti Elite.

20 Aprile 2021
Pandemia: Impatti positivi e negativi sul sonnoInterview - Dr. Jose Haba-Rubio

Lo stress e l'ansia vissuti durante la pandemia hanno e continueranno ad avere numerose ripercussioni sulla nostra salute mentale. Il sonno per alcuni, a causa dello stress psicologico che causa l'insonnia, è stato fortemente compromesso. Per altri, il confinamento è stato invece l'occasione per riconnettersi con il proprio orologio biologico